Migliori Compagnie Aeree 2020: classifica delle più in voga al mondo, low cost, europee e per lavorare

Sono davvero tante le persone interessate a capire quali sono le migliori compagnie aeree del 2020: basta dare un’occhiata ai numeri registrati durante lo scorso anni per avere un’idea de viaggiatori che hanno utilizzato questo mezzo di trasporto per raggiungere le loro destinazioni. Più di quattro miliardi e mezzo di persone l’anno scorso hanno viaggiato in aereo: ovviamente non tutti hanno le stesse esigenze (che possono cambiare da persona a persona, ma anche in base alla durata del volo), quindi potrebbe essere interessante andare a scoprire quali sono le migliori compagnie aeree in assoluto e poi andare più nel dettaglio per capire quali sono quelle che si distinguono a livello europeo e quelle che hanno qualcosa in più tra le compagnie low cost. Alla fine daremo uno sguardo anche alle compagnie che offrono le migliori opportunità di carriera a chi ha intenzione di lavorare in questo particolare settore.

Migliori compagnie aeree al mondo 2020: la classifica

È davvero difficile capire quali sono le migliori compagnie aeree al mondo: sono davvero tanti i fattori che possono essere presi in considerazione, quindi è necessario fare una sorta di media tra i giudizi assegnati a ciascuna di queste variabili. Esistono diverse testate e diversi enti che si occupano di stilare una classifica delle migliori compagnie aree al mondo; tra le più rinomate ci sono le graduatorie preparate da Airline Rating (Airline Exellence Awards), uno dei siti più autorevoli nel campo, e i World Airline Awards SkyTrax, spesso chiamati gli Oscar del volo. Ci sono poi le liste oridinate in base ai voti espressi dai consumatori. Proviamo a tirare le somme.

Per l’assegnazione degli Airline Exellence Awards vengono presi in considerazione diversi fattori chiave: tra questi ci sono l’età dei mezzi che compongono la flotta, la redditività della compagnia, il rating degli investimenti, le recensioni dei viaggiatori, le offerte premium sui voli e le varie opzioni di posto a sedere nelle altre classi. In testa a questa classifica troviamo la Air New Zealand, che ha conquistato il primo posto superando la Singapore Airlines, ex detentrice del primato che comunque mantiene un ottimo secondo posto; il podio è completato dalla All Nippon Airways. Le altre posizioni dalla quarta alla decima piazza sono occupate rispettivamente da Qantas, Cathay Pacific, Emirates, Virgin Atlantic, EVA Air, Qatar Airways e Virgin Australia.

Passiamo ora agli World Airline Awards SkyTrax: in attesa della nuova classica che uscirà verso la fine del 2020 è possibile dare uno sguardo alla graduatoria stilata in base alle valutazioni di più di 20 milioni di passeggeri provenienti da oltre cento paesi del mondo raccolte tra settembre 2018 e la fine di maggio 2019. Si tratta di una classifica indipendente perché non per la sua relizzazione non è stata coinvolta nessuna società del settore e perché non è legata a vincoli di sponsorizzazioni. Nella classifica assoluta, tra le oltre 300 compagnie aeree prese in considerazione spicca Qatar Airways; anche in questo caso al secondo posto troviamo la Singapore Airlines, mentre la “medaglia di bronzo” è stata assegnata alla All Nippon Airways (in pratica al di là della pirma posizione il podio è lo stesso della classifica vista in precedenza). Dal quarto al decimo posto troviamo Cathay Pacific, Emirates, AVA Air, Hainan Airlines, Qantas Airwaus, Lufthansa, Thai Airways.

La classifica globale delle compagnie aeree redatta da AirHelp tiene in considerazione la qualità del servizio offerto, la puntualità e il trattamento riservato ai clienti in caso di problemi. Anche in questo caso al prmo posto troviamo Qatar Airways, che grazie ad un 8,4 per la puntualità, ad un 8,5 per la qualità del servizio e ad un 7,8 per la gestione dei reclami ha ottenuto un voto medio di 8,23 su un massimo di 10. Al secondo posto c’è American Airlines, con un giudizio complessivo di 8,07 (con la gestione dei reclami che risulta essere il fiore all’occhiello della compagnia), mentre al terzi troviamo Aeromexico con 8,07 (ottima la qualità del servizio). Ad un soffio dal podio c’è SAS Scandinavian Airlines con 8,07, seguita da Qantas (8,04), LATAM Airlines (8,01), WestJet (7,96), Luxair (7,90), Australian Airlines (7,90) ed Emirates (7,80).

L’ultima classifica delle migliori compagnie aeree del mondo del 2020 che prendiamo in considerazione è quella di eDreams, una delle più importanti agenzie di viaggio online. La lista è ordinata sulla base delle recensioni di più di 70.000 clienti che hanno espresso il loro parere in merito al comfort, al servizio di check-in, al servizio a bordo, all’intrattenimento e al rapporto tra qualità e prezzo. Al primo posto c’è Emirates, che ha conquistato un bel 4,13 su 5; alle sue spalle ci sono Qatar Airlines (4,09) e Turkish Airlines (4,01). Fuori dal podio troviamo Thau Airwains International (3,91), Azul (3,84), Aeromexico (3,81), Luxair (3,79), Aegean Airlines (3,76), Swiss International Airlines (3,72) e Etihad Airlines (3,71).

Migliori compagnie aeree europee 2020: la classifica

Proviamo a restringere il cerchio e cerchiamo di capire quali sono le migliori compagnie aeree europee del 2020. Può essere interessante fare un confronto tra la classifica delle compagnie che trasportano il maggior numero di passeggeri e quella che invece elenca le compagnie in base a fattori qualitativi. Il Gruppo Lufthansa rappresenta la compagnia che trasporta più passeggeri, forte anche della sua numerosa flotta e dell’elevato numero di destinazioni; al secondo posto c’è la compagni low cost per eccellenza, ovvero Ryanair, che pur contando su una flotta molto meno numerosa e molte meno destinazioni si fa valere per la convenienza delle sue tariffe; il podio è completato dall’International Airlines Group, colosso nato dall’unione delle compagnie di bandiera di Spagna e Regno Unito. Al quarto posto c’è Air France-KLM, che è la compagnia che offre il maggior numero di destinazioni, seguita da easyJet (quinta nonostante una flotta e un numero di destinazioni decisamente meno importanti rispetto alla concorrenza) e Turkish Airlines.

Per la classifica delle migliori compagnie aeree europee del 2020 dal punto di vista qualitativo possiamo di nuovo fare riferimento al lavoro della SkyTrax, società britannica di cui abbiamo parlato anche in precedenza. L’obiettivo è quello di ordinare le varie compagnie in base a diversi fattori, dalla puntualità ai servizi offerti in cabina, passando per l’intrattenimento, la sicurezza, la comodità e così via. Al primo posto c’è Lufthansa, ormai da diversi anni al vertice della graduatoria: l’assistenza personalizzata, la comodità e il servizio di accompagnamento multilingua sono gli aspetti che sono piaciuti di più ai viaggiatori. Al secondo posto c’è Turkish Airlines, quarta compagnia al mondo per il numero di destinazioni non stop: la comodità dei posti, la pulizia, il rapporto qualità/prezzo e il cibo a bordo fanno la differenza. Al terzo posto c’è invece Swiss International: la presenza di menù per bambini e per viaggiatori con esigenze particolari, la personalizzazione dell’intrattenimento e il programma che consente di accumulare punti per le miglia raggiunte sono i fattori più apprezzati.

La quarta posizione è occupata da Austrian: si tratta dei nomi più longevi del settore e la sua offerta si caratterizza per la possibilità di scelta dell’upgrade con il check-in online, in aeroporto o a bordo. Air France conquista il quinto posto: l’aspetto più gradito è il comfort riservato anche ai passeggeri che viaggiano in economy. Al sesto posto c’è KLM, sorella di Air France nel gruppo Air France-KLM: le tnte destinazioni, i buoni servizi di intrattenimenti e la bontà del cibo servito a bordo sono le caratteristiche che sono piaciute di più agli utenti. Al settimo posto c’è Finnair: ormai da quasi un decennio la compagnia finlandese guida la classifica per quanto riguarda i vettori del Nord Europa, anche se è tallonata da Norwegian, che conquista l’ottavo posto della classifica delle migliori compagnie aeree europee. Al nono posto c’è Virgin Atlantic: la gentilezza del personale, la comodità dei posti a sedere, il buon cibo e la qualità degli schermi a bordo hanno consentito alla società britannica di entrare a pieno merito in questa top ten, chiusa a pari merito da Iberia e Alitalia, che ha conquistato voti altissimi per la cucina e la puntualità.

Migliori compagnie aeree low cost 2020: la classifica delle più economiche

Molto spesso la gente pensa che scegliendo di viaggiare con una compagnia low cost sa che andrà a risparmiare, ma sa anche che deve rinunciare a tante comodità. È vero che su alcune cose (non fondamentali) bisogna chiudere un occhio, ma è vero anche che il livello di soddisfazione per quanto riguarda il comfort e i servizi è abbastanza alto. Possiamo fare un’affermazione del genere perché SkyTrax ha fatto un’indagine anche per quanto riguarda le compagnie low cost prendendo in considerazione le opinioni dei consumatori per quanto riguarda la qualità dei servizi a bordo, la competenza e la cordialità dello staff, e più in generale dell’esperienza di viaggio, dall’arrivo in aeroporto fino al raggiungimento della destinazione.

La classifica 2020 delle migliori compagnie aeree low cost è guidata da Air Asia: ormai da più di un decennio la società malesiana può vantare questo primato, confermandosi anche come il vettore che offre il costo unitario più basso in assoluto. Al secondo posto c’è easyJet, che si conquista la medaglia d’oro in ambito continentale. Il podio è completato da Norwegian: se avessimo riportato anche la classifica delle compagnie economiche che effettuano voli a lungo raggio avremmo trovato proprio il vettore norvegese al primo posto. Al quarto posto c’è la Southwest Airlines, società storica (esiste dal 1967) e primo rappresentante del Nord America, nonché compagnia con il maggior numero di Boeing 737. Al posto numero cinque troviamo un altro esponente asiatico, anche se si tratta di una sussidiaria dei quello che occupa il primo posto: AirAsia X si distingue per avere le migliori cabine Premium tra i vettori a basso costo.

La sesta posizione appartiene a JetStar Airways, costola low cost del gruppo australiano Qantas ativa soprattutto su rotte nazionali e internazionali (non offre molti voli intercontinentali). Al settimo posto troviamo la canadese WestJet, attiva in America ed in Europa. All’ottavo posto c’è IndiGo, una delle principali realtà del settore del continente asiatico. Ryanair la troviamo “solo” al nono posto: le offerte che propone vengono ancora ritenute molto vantaggiose, ma alcune decisioni recenti (in particolare quelle relative ai bagagli a mano, non sono piaciute molto ai viaggiatori. Al decimo posto c’è Eurowings, sussidiaria delle Lufthansa che da non molti anni si è lanciata nel settore del low cost, conquistando ottimi risultati, soprattutto per quanto riguarda i voli a l ungo raggio.

Migliori compagnie aeree dove lavorare nel 2020: opportunità di carriera

Sono molte le persone che sognano di poter lavorare per una compagnia aerea: per un amante dei viaggi non ci sarebbe niente di meglio della perfetta combinazione tra passione e lavoro. La frase “lavorare per una compagnia aerea” però è molto (troppo) vaga: sono davvero tante infatti le figure professionali che possono essere impiegate; per comodità li sintetizziamo raggruppandole in tre grandi categorie: ci sono i piloti, i tecnici e gli assistenti di volo. Per diventare pilota bisogna innanzi tutto ottenere la certificazione di idoneità psico-fisica rilasciata dall’Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare o dalla Sanità Marittima del Ministero della Salute; il percorso per raggiungere l’obiettivo ovviamente sarà diverso per chi vuole ottenere la licenza di pilota privato da quella che dovranno seguire quelli che vogliono diventare piloti commerciali ed in seguito piloti di linea. In ogni caso è necessario seguire un corso di addestramento (presso scuole o enti riconosciuti dall’ENAC) che prevede una parte teorica e una parte pratica.

Chi sogna di diventare assistente di volo (hostess o steward) deve innanzi tutto possedere dei precisi requisiti professionali, caratteriali e addirittura fisici. Sono infatti necessari la bella presenza e un’altezza minima (di solito 1,65 m per le donne e 1,70 m per gli uomini), ma è importante anche conoscere le lingue (competenza che può variare parecchio in base della nazionalità della compagnia a cui ci si rivolge) ed è fondamentale la capacità di relazionarsi con i clienti. Le competenze richieste ai tecnici possono essere diverse in base al ruolo che si deve svolgere: oltre alle figure capaci di occuparsi della manutenzione e della riparazione degli apparecchi infatti alle compagnie serve personale molto ferrato in informatica e altri professionisti in grado di gestire la parte economica. Ma al di là della passione per il viaggio conviene davvero lavorare per una compagnia aerea? Per capire quali sono le migliori compagnie aeree che offrono interessanti opportunità di carriera possiamo dare un’occhiata ad una recente inchiesta che ha messo a confronto le varie condizioni di lavoro (stipendi inclusi) dei dipendenti di alcuni dei più importanti vettori; non si tratta di dati nuovissimi, quindi prendiamoli con le molle, giusto per avere un’idea.

Le statistiche hanno dimostrato che negli anni passati è cresciuto il numero delle persone assunte con contratti a zero ore e che le compagnie spesso si sono rivolte ad agenzie di lavoro temporaneo, spesso con sede al d fuori dell’Unione Europea, per trovare personale a costi più bassi. I contratti a zero ore (utilizzati soprattutto con i piloti più giovani) non garantiscono un minimo di ore lavorative ogni settimana e il dipendente ha la possibilità di rifiutare le chiamate: c’è tanta flessibilità, ma in media i pilori guadagnano meno rispetto a quelli assunti con altre tipologie di contratto. Più della metà degli oltre 6.600 piloti coinvolti nell’inchiesta ha dichiarato che all’inizio della propria carriera ha cambiato compagnia aerea più volte per trovare migliori condizioni lavorative e maggiore protezione sociale.

Ma cerchiamo di capire quanto si guadagna lavorando per una compagnia aerea. Un assistente di volo che si trova a metà della sua carriera e che lavora per Alitalia può prendere poco più di 2.000 euro netti al mese, ma va detto che solo la metà p stipendio: la parte restane è rappresentata da indennità. Gli stipendi degli assistenti di volo di Air France oscillano tra i 1.500 e i 3.700 euro al mese. Cifre non molto diverse quelle che guadagnano gli assistenti di volo della British Airways, il cui stipendio base può andare dai 1.500 euro fino ai 3.000 euro (la retribuzione è legata anche al raggio di percorrenza e al tempo dei voli). Qatar Airways propone una paga netta di 732 euro per i primi sei mesi, che salgono ad 814 nei mesi successivi: a questa somma va però aggiunta la paga oraria di 9 euro, quindi chi volo per circa 80 ore al mese riesce a guadagnare pià o meno 1.5000 euro netti.

Diamo un’occhiata anche agli stipendi pagati dalle migliori compagnie low cost. Durante i mesi invernali un assistente di volo che lavora per easyJet può guadagnare 1.200/1.3000 euro netti al mese; la cifra sale a 1.600/1.800 euro nei mesi estivi, quando ci sono più voli e ci sono più occasioni per accumulare ore di volo. Ryanair retribuisce i suoi dipendenti solo per le ore di volo (se ci sono ritardi, scali o attese non i dipendenti non ricevono nulla); inoltre i corsi di formazione e l’uniforme sono a carico del lavoratore; gli stipendi per le hostess e gli steward si aggirano tra i 1.100 e i 1.400 euro al mese (ma ci possono essere degli incentivi). Gli assistenti di volo che lavorano per Vueling guadagnano più o meno 12.000/13.000 euro all’anno, ma alcuni dipendenti hanno affermato di essere arrivati a guadagnare anche 1.7000 euro al mese.

Redazione Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *