Migliori Hashtag 2020: idee per like su Instagram, fotografi, viaggi, matrimonio, arte, food, fitness e selfie

Instagram è uno dei social media più usati al mondo: la condivisione delle foto è un trend che non passerà mai ed è proprio questo il motivo per cui Instagram rimane uno dei social più amati.

Ma se si è degli addicted di Instagram, bisogna tenere conto degli hashtag. Gli hashtag sono praticamente delle etichette che vengono utilizzate per i contenuti online, per categorizzarli e contenerli in un macro-argomento. Mediante l’uso degli hashtag, è possibile rendere più semplice la ricerca di un certo contenuto oppure vedere contenuti simili al proprio, basta usare questa etichetta.

L’uso di hashtag su Instagram ha lo scopo di rendere più visibile il proprio profilo e di aumentare i follower, i like e l’audience sul profilo. In molti lo usano per scopi professionali, come brandizzare il proprio prodotto e indirizzarlo verso un certo segmento di pubblico.

Se gli hashtag vengono usati in modo corretto, si avrà la possibilità di aumentare il proprio engagement e aumentare la quantità di follower. Inoltre, l’uso degli hashtag serve ad organizzare i contenuti sul social e di ottimizzare i propri post, per farli conoscere più facilmente agli altri utenti.

Bisogna pensare che, usando gli hashtag giusti, si avrà più visibilità sul proprio profilo e più visibilità significa più interazione degli altri utenti, che potranno esprimersi con like e commenti ai contenuti e che potranno diventare dei follower del profilo.

Per ogni post, possono essere inseriti fino ad un massimo di 30 hashtag. Ma attenzione, meglio inserire meno hashtag, ma pertinenti e adatti che un mucchio di hashtag senza senso, che possono avere l’effetto contrario e far perdere attenzione all’utente.

La strategia migliore è quella di mettere pochi hashtag (da uno a cinque al massimo) e selezionarli tra quelli di bassa o media popolarità, ma che siano inerenti alla foto o al video che si andrà a pubblicare. Inutile inserire hashtag troppo popolari, ma che sono neutri e non inerenti al contenuto pubblicato.

Per ogni tipo di contenuto, ci sono degli hashtag precisi da inserire, che mirano ad aumentare l’audience del post e del profilo e che etichettano nel modo migliore il contenuto.

Vediamo quali sono i migliori hashtag per ottenere like su Instagram, per i fotografi, per i viaggi, per il matrimonio, per l’arte, per il food, per il fitness e per i propri selfie.

Migliori Hashtag del 2020: quali hashtag usare per ottenere più like su Instagram

Avere tanti like sul proprio contenuto può essere molto soddisfacente per gli utenti di Instagram, questo perché significherebbe che il proprio profilo ha un’audience molto alta e i propri contenuti possono raggiungere tanti utenti.

Avere diversi like e tanti follower sul proprio profilo di Instagram può essere molto utile anche a livello professionale: chi ha intenzione di lanciare un prodotto sul mercato, un’idea, esprimere il proprio talento, diffondere il proprio pensiero o far notare la propria professione.

L’obiettivo, però, è quello di ottenere più follower, per avere maggiore visibilità e, quindi, audience. Perciò quando postiamo un contenuto su Instagram, che sia una foto un video, abbiamo una vasta gamma di hashtag tra cui scegliere.

Gli hashtag migliori, per ottenere più like, sono quelli che permettono di far visualizzare il contenuto a più persone possibili. Perciò, in questo caso, gli hashtag che possono far arrivare il contenuto ad un bacino di persone maggiore, sono sicuramente gli hashtag generici.

Per hashtag generici (che, al contrario, non sono adatti per la sponsorizzazione di un marchio, di un’idea o di un lavoro) sono quegli hashtag che riportano parole “casuali”, come fotografia, sole, amore, amici, preferibilmente declinati in inglese, per poter raggiungere più utenti.

Altri hashtag utili per ottenere un maggiore numero di like sono quelli riguardanti termini relativi ai social network, come igdaily, instapic, instalike: in linea generale, si consiglia di utilizzare diverse parole col prefisso insta- (che sta a significare Instagram); questi sono gli hashtag più generici del social, che in molti aggiungono ai propri contenuti proprio per avere più visibilità.

In linea generale, per avere più like e anche più follower, l’importante è curare il proprio social e i contenuti pubblicati e avere interazioni con gli altri utenti: è importantissimo mettere like e seguire altri utenti interessanti, soprattutto quelli che appartengono alle vostre sfere d’interesse.

Migliori Hashtag di Instagram per i fotografi 2020: quali usare

Instagram è il social delle foto e quale social network può essere meglio di questo per condividere la propria passione per la fotografia?

Su Instagram troveremo migliaia di account relativi alla fotografia: fotografia naturalistica, fotografia urbana, ritratti e chi ne è ha più ne metta.

Proprio per questo, è importante utilizzare degli hashtag specifici, che permettano di visualizzare le foto dal maggior numero di utenti, per sponsorizzare la propria professione o la propria passione.

Nell’era dei social e dei contenuti condivisi è impossibile pensare che l’utente medio capiti per “puro caso” su un certo profilo. Proprio per questo, se si è dei fotografi, c’è il bisogno di usare degli hashtag specifici per farsi trovare dagli utenti o da possibili clienti.

Innanzitutto, una delle prime regole è quella di inserire un hashtag che riguardi la locazione della foto. Ad esempio, se un fotografo pubblica una foto che rappresenta un monumento famoso, bisognerà aggiungere sia l’hashtag col suo nome e sia l’hashtag con il luogo in cui si trova. Facciamo un esempio pratico: se un fotografo pubblica la foto del Colosseo, dovrà inserire un hashtag con “Colosseo” (magari declinato anche in inglese) e un hashtag con “Roma”.

Oltretutto è utile inserire una parola chiave che indichi il tipo di fotografia: se si tratta di un paesaggio naturale, si potranno inserire hashtag come “nature”, “landscape”; se si tratta di un ritratto saranno utili hashtag come “portait” o “selfportrait” se si tratta di un autoritratto; se si tratta di un una foto fatta in città, sarà utile mettere hashtag come “urbanphotography”.

In linea generale, bisognerà inserire hashtag che indicano la locazione, il soggetto (un monumento, una persona, un animale, lo scorcio di una strada), il tipo di fotografia e poi inserire hashtag più generali, ma sempre inerenti alla fotografia, come “picture”, “all-shot” e “photography”.

Migliori Hashtag per i viaggi 2020: quali usare?

I viaggi sono sicuramente uno dei campi per cui vengono pubblicate più foto su Instagram. A molti utenti piace condividere i propri viaggi, i paesaggi che si vedono, le città che si visitano e piccoli particolari che fanno conoscere altre culture e popolazioni. Molti utenti appassionati di viaggio diventano dei travel blogger, ovvero utenti che condividono i propri viaggi e danno anche dei consigli e delle informazioni per chi vuole visitare gli stessi posti. Di travel blogger, Instagram è pieno e, per questo, è importante sapersi distinguere dagli altri utenti dello stesso segmento professionale e cercare di raggiungere più utenti possibili coi propri contenuti.

Proprio per questo, è importante usare un certo tipo di hashtag per le proprie foto di viaggio, degli hashtag che permettano di raggiungere più utenti possibili e di evidenziare i propri contenuti nel grande marasma di foto pubblicate su Instagram.

Innanzitutto, come per i contenuti dei fotografi, è importante delineare la locazione: molti utenti, infatti, possono cercare gli hashtag inerenti alla destinazione per vedere le cose più importanti o avere un’anteprima di ciò che andranno a visitare.

Quindi è importantissimo iniziare il proprio elenco di hashtag, delineando la locazione, sia la città che il Paese e, se è possibile, inserire anche il quartiere, se parliamo di luoghi iconici e conosciuti.

Poi, è importante inserire il tipo di viaggio che si andrà a fare, ad esempio se si tratta di un viaggio con la famiglia, è importante inserire hashtag come “travelwithkids”, “famiglia in viaggio”, “vitadamamma”, “viaggioconpapà” o “familytravelblog”; se si tratta di un viaggio da sola, possiamo inserire hashtag come “viaggiodasola”.

Un altro consiglio è quello di personalizzare i propri hashtag con le destinazioni, ad esempio, per un viaggio a Roma, possiamo mettere hashtag come “igersroma”, “dafarearoma” o “igroma”.

Infine, ci sono degli hashtag più generici, ma che permettono di raggiungere un maggiore bacino di utenti, come “travel”, “travelblogger”, “viaggiare” e “travelphotography”.

Migliori Hashtag per matrimonio 2020

Con l’avvento dei social network, tutto è diventato “social”: gli eventi importanti come compleanni, viaggi, esperienze professionali vengono tutti postati su Instagram e ovviamente è incluso anche il matrimonio. Sempre più spesso vediamo sui nostri social foto, storie e video di un matrimonio, quindi bisogna arrivare preparati e pensare agli hashtag da inserire.

Innanzitutto, soprattutto negli ultimi tempi, c’è la tendenza a creare un hashtag fatto appositamente per il matrimonio. Un hashtag del genere, infatti, riesce a includere tutte le foto e gli altri contenuti relativi al matrimonio in questo, così da avere tutto sotto mano.

Un hashtag personalizzato per il matrimonio può essere creato con una combinazione dei nomi dei due sposi o mettendo una cosa simile “MrandMrsRossi” oppure una cosa semplice come “MatrimonioAnnaeMarco” o nella declinazione inglese “MarcoandAnnaWedding”.

Un’altra idea efficace è quella di mettere come hashtag i propri nomi e la data del matrimonio come “AnnaMarco22maggio” o “22MayAnnaMarco” o usando solamente le proprie iniziali.

In più è utile inserire hashtag più generali come “matrimonio”, “wedding”, “matrimonio sulla spiaggia”, “matrimonioaRoma” e tutto ciò che riguarda l’amore, per coronare un giorno felice come quello del matrimonio.

Migliori Hashtag di Instagram per fotografie artistiche 2020

Instagram oltre ad essere un social network per la fotografia, può essere un’ottima vetrina per le proprie passioni, tra cui ovviamente l’arte.

Le fotografie relative all’arte possono comprendere tutto: foto di musei, foto di architetture importanti, foto di monumenti famosi, ma anche foto che riprendono la propria di arte, dalla pittura alla scultura, dai fumetti al disegno.

Instagram, come abbiamo già detto, permette ai giovani artisti di fare strada, di farsi conoscere dagli altri e permette di far arrivare a tutti la propria arte. Per questo è importante che ogni artista che vuole farsi conoscere, qualsiasi sia il suo campo, si crei un profilo su Instagram e pubblichi regolarmente le sue opere d’arte.

Innanzitutto, se un utente vuole pubblicare foto di un dipinto, una scultura, un museo o un’architettura importante, deve assolutamente inserire il nome dell’opera, il nome del museo e la città di locazione. Ad esempio, se un utente pubblica la foto della Primavera di Botticelli, sarà importante mettere un hashtag col nome dell’opera, un hashtag con l’autore dell’opera (“Botticelli”), il nome del museo in cui è collocata l’opera (“museoUffizi” o solo “Uffizi”) e, infine, inserire la città in cui è localizzata (“Firenze” in questo caso).

Nel caso, invece, si voglia promuovere la propria arte, allora bisognerà innanzitutto specificare di che campo ci si occupa. Per la pittura troveremo foto di dipinti, per la scultura troveremo foto di statue, per i fumetti troveremo delle strisce fumettistiche, etc. Sono tanti gli artisti che si sono fatti conoscere su Instagram, che è diventato uno dei canali principali in cui esporre e condividere le proprie opere d’arte.

Nel caso di una fotografia d’arte è importante inserire un hashtag col nome dell’opera, così da inserire un hashtag personale; un’altra idea carina e utile è quella di inserire ogni volta un hashtag col proprio nome o col proprio pseudonimo, così da poter reperire tutte le opere con un solo click; poi, bisogna inserire degli hashtag che indichino il tipo di arte come “pittura”, “scultura”, “fumetti”, anche nella loro declinazione inglese, così da poter raggiungere un maggior numero di utenti.

Altri hashtag più generali sono “artistic”, “art”, “inspiration”, “illustration”, “artwork”, “painting” o “design”.

Un altro consiglio è quello di pubblicare sempre foto di alta qualità, che possano fungere da portfolio per eventuali esperti del settore o anche semplici fan.

Migliori Hashtag “food” 2020: quali usare per foto Instagram con cibo

Coi nuovi social e i nuovi smartphone abbiamo imparato a fotografare sempre tutto. Uno degli elementi più fotografati nel nuovo millennio è sicuramente il cibo: dai cibi esotici ai dolci più colorati, il popolo di Instagram si dedica assiduamente alla pubblicazione di contenuti relativi al cibo.

Proprio per questo si sono diffusi sempre di più i cosiddetti foodblogger, ovvero degli utenti specializzati nelle foto di cucina. Possiamo notare, infatti, la cura e l’attenzione che questi utenti mettono nelle fotografie relative al cibo.

Ma anche se si tratta di cibo fatto in casa o dell’ennesima pizza Margherita, ci sono degli hashtag che permettono una maggiore visualizzazione dei contenuti di questo genere.

Innanzitutto è consigliabile mettere un hashtag col tipo di cibo rappresentato nella foto, quindi vanno bene hashtag come “pizza”, “carbonara”, “raviolialvapore” o “cheesecake”, in questo caso è consigliabile mettere anche il nome del piatto nella sua lingua d’origine o in inglese, così da raggiungere più utenti; nel caso si tratti di cibo proveniente da ristoranti famosi o catene di ristorazione molto conosciute, un’idea è quella di mettere un hashtag con il nome del locale; un altro consiglio è quello di mettere un hashtag con la provenienza del cibo, come “italianfood”, “indianfood”, “chinesefood”; nel caso si tratti di cibo preparato in casa, un hashtag come “homemade” è perfetto per delineare il contenuto della foto.

Poi, ci sono hashtag più generali, come food, foodporn, yummy, foodstagram, cucinare, foodtrend e hashtag che indichino il tipo di pasto, quindi lunch, dinner o breakfast.

Migliori Hashtag fitness 2020

Con lo sviluppo dei social network, sono in molti a condividere la propria passione e uno dei trend che va per la maggiore è sicuramente il fitness.

Su Instagram possiamo trovare migliaia di profili che si dedicano a questo campo, con la pratica di nuovi sport, nuove diete o nuove abitudini alimentari.

Innanzitutto è utile inserire hashtag piuttosto settoriali, che indichino magari lo sport che viene praticato nelle foto e nei video (boxe, pilates, yoga) oppure le nuove abitudini alimentari (vegan, vegetariano, detox). È importante anche inserire un hashtag personale, magari col proprio nome o nickname, così da raccogliere tutti i contenuti sotto un unico hashtag, da poter far consultare agli utenti interessati.

In più, è utile inserire hashtag relativi al settore dei contenuti delle foto, come “fitness”, “fitnessgirl”, “healthy” o “fitnessmotivation”.

Nel caso si proponga una challenge, ovvero una sfida lanciata agli utenti per cose specifiche come una sfida di fitness o un regime da seguire per un certo numero di giorni, è utile creare un nome da inserire come hashtag nei contenuti dedicati a questo.

Migliori Hashtag per selfie 2020: quali usare su Instagram

I social network hanno portato gli utenti ad un elevato narcisismo, inutile negarlo. Su Instagram, così come in altri social, spopolano i selfie, ovvero degli autoscatti. I selfie sono tra i contenuti presenti in maggior numero su Instagram e può essere difficile risaltare tra gli altri milioni di contenuti simili e per questo esistono degli hashtag adibiti a questo tipo di contenuti.

Innanzitutto possiamo inserire degli hashtag che descrivano le caratteristiche del soggetto, come ad esempio per i lineamenti del viso, come “blueeyes”, “blondegirl”, “brunettegirl” o relativi al make-up, come “redlipstick”. Questo tipo di hashtag permette di personalizzare in parte la foto e renderla più settoriale rispetto alle altre.

Ma per i selfie, solitamente, vengono usati hashtag più generali, come “instaselfie”, “selfie”, “me” e “selfietime”.

Martina Sarra Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *