Migliori Fotocamere Bridge 2022: confronto Nikon, Canon e Sony, offerte economiche Amazon

Se trovate un modello di reflex troppo impegnativa e una compatta troppo misera per il lavoro che andrete a fare, una via di mezzo c’è: il ponte che collega la professionalità della prima e la praticità della seconda è la fotocamera Bridge, termine che in inglese vuol dire ponte, appunto. Adesso andremo a vedere quali sono le proposte offerte da Nikon, Canon e Sony, quelli che possiamo definire, al momento, i tre più diffusi marchi di elettronica specializzata in fotocamere,  e le loro differenze. In seguito vedremo se ci sarà possibile concederci un nuovo dono a qualche settimana da Natale “spulciando” le offerte più vantaggiose su Amazon.

Nikon, Canon e Sony: le migliori proposte di fotocamera Bridge del 2022

I colossi del settore hanno subito lanciato le loro alternative che ormai sono diventati must have per chi ama la fotografia pur non essendo un vero e proprio professionista.

Le prime fotocamere Bridge che prenderemo in analisi sono quelle che appartengono al brand più anziano fra i tre, creato a Tokyo nel 1917: Nikon.

Disponibile in tre colori ( viola, rosso e nero), perché anche l’occhio vuole la sua parte, il primo caso da prendere in considerazione è quello della Coolpix B500. Dal peso di quasi 600 grammi, sarà il compagno di viaggio ideale per immortalare momenti e paesaggi in alta risoluzione. Dotata di ben 16 megapixel,  consente di catturare i momenti della vita da una prospettiva creativa, come affermato dal brand stesso nella pagina dedicata nel sito della Nikon. La copertura dell’inquadratura che comprende il 99% dell’immagine effettiva vi permetterà di fotografare la realtà esattamente come appare di fronte a voi, mentre lo zoom ottico 40x dell’obiettivo NIKKOR di cui è provvista e la possibilità di estenderlo a Dynamic Fine Zoom 80x non solo vi permetteranno di scattare foto particolarmente dettagliate anche alla luce lunare o in notturna, ma persino di vedere quanto è “invisibile agli occhi”. Essendo brevettata per un consumatore non necessariamente esperto di fotografia, viene in aiuto ai principianti più distratti e confusionari con il sistema VR, un sensore antivibrazioni per rendere la vostra immagine il più ferma e perfetta possibile. Un valido aiuto ad una mano tremolante sono, inoltre, il design da un’impugnatura che salvaguarda la stabilità e l’attacco per treppiedi 1/4 (ISO 1222), ideale anche per chi viaggia da solo o ama i selfie di gruppo. Il diaframma a selezione filtro ND a comando elettronico e l’escursione a due step non rappresenta l’unica impostazione avanzata e moderna di questo modello. Internet e social friendly, oltre al bluetooth e alla presenza della porta USB ad alta velocità, al supporto per stampa diretta detto Pict Bridge e al connettore di uscita audio/video, offre la possibilità di connessione a una rete Wifi o di monitorare e condividere all’ istante sul vostro smartphone, con l’apposita modalità Snap Bridge, tutti gli scatti realizzati con la tecnologia Nikon.

Di peso e qualità un pochino inferiore alla precedente, con i suoi quasi 500 grammi e 10 megapixel, la fotocamera Coolpix P100 rappresenta un’alternativa non troppo pretenziosa, ma valida allo stesso tempo. Dotata di zoom 26x e lenti in vetro ED, il sensore CMOS retroilluminato e la modalità HDR permettono di scattare immagini nitide e esteticamente gradevoli anche in presenza di luci meno invadenti. Il vero punto forte del modello, però, è la qualità di girare video composto da immagini chiare in Full HD e, eventualmente, “zoommabili” senza diventare meno limpide grazie all’autofocus e con un’alta risoluzione dell’audio stereo. Per quanto non sia innovativa e inclusa nel circolo della rete e dei social network, oltre alla memoria interna di 43 megabyte sarà possibile estendere la capacità di ricordi con una scheda SD per poi inviare i vostri ultimi scatti a smartphone, pc e a tutti i vostri altri dispositivi tecnologici, grazie alla porta USB ad alta velocità.

Restando in Giappone, nella stessa città che ha dato i natali alla precedente proposta, venti anni dopo è stata fondata la Canon. Spesso prima del settore quanto ad innovazioni e lanci sul mercato, non delude neanche stavolta.

Simili per design e linea ai modelli analizzati in precedenza, la Canon PowerShot SX420 IS e la Canon PowerShot SX540 HS  raggiungono rispettivamente le quattro e le cinque stelline di giudizio proposte nel sito di Canon Italia. La prima, la Canon PowerShot SX420 IS, disponibile sia in rosso che in nero, è adatta a tutta la famiglia, stimola la creatività di ognuno grazie alla possibilità di ognuno, più piccoli compresi, grazie alla gamma di filtri simpatici e divertenti come il Fish-eye, Miniatura e la Fotocamera giocattolo e permette di restare sempre connessi: tramite Wifi è possibile condividere ed effettuare il backup dei vostri scatti, la funzione NFC facilita la condivisione tramite smartphone nei vostri canali social nei quali, utilizzando il GPS del vostro stesso smartphone, sarà possibile geolocalizzarvi con esattezza. Oltre alle funzioni ricreative, il vostro telefonino sarà in grado rintracciare la fotocamera per non perderla mai di vista.

Questi moderni incentivi non mettono in dubbio la qualità tecnologica dell’oggetto: un ultrazoom di 42x estendibile fino a 84x per immagini di qualità superiore e i 20 megapixel sono favoriti anche dal sensore stabilità presente negli scatti così come nei video che, a loro volta, presentano un girato pregiato in 720p HD. Il risparmio energetico, infine, permette di continuare a scattare anche quando la batteria sembra quasi in procinto di abbandonarci di fronte a luoghi e in situazioni i cui ricordi sarebbero rimasti solo nella nostra memoria.

Il massimo della qualità si raggiunge, però, con la Canon PowerShot SX540 HS. Priva di filtri ma con la possibilità di aggiungere effetti differenti in contenuti sottoforma di clip, a parte questa mancanza vanta tutte le caratteristiche della precedente e qualche innovazione in più. I filmati in Full HD toccano persino i 1080p mentre le possibilità di zoom aumentano passando a 50x fino a 100x per immagini di estrema qualità senza perdere di vista, tramite un pannello apposito, il soggetto delle vostre foto. Lo scatto continuo veloce, la possibilità di creare ben sei immagini uniche con un solo scatto e il filmato di riepilogo per le riprese più semplici stuzzicherà la vostra fantasia e voglia di sorpresa, mentre i più pignoli potranno avere “tutto sotto controllo” grazie alla modalità di controllo manuale del tempo e diaframma al quale si aggiunge il pannello Front Dial per un controllo extra. Lo schermo LCD da tre pollici vi permetterà di avere subito il riscontro del vostro scatto che, con la funzione HS, non sarà mai spento e cupo.

Entrambe le proposte, la Canon PowerShot SX420 IS e la Canon PowerShot SX540 HS, sono compatibili con il sistema esclusivo Canon Connect Station CS100, un supporto valido e veloce per stampare, per condividere e trasferire i nostri file multimediali dalla macchina fotografica al pc o allo smartphone, per visualizzare il contenuto sullo schermo di una smart tv o, viceversa, importare i contenuti che volete avere sempre con voi all’interno della fotocamera. Tutti questi scambi avverranno tramite Canon Connect Station CS100, una “scatolina” rettangolare di piccole dimensioni da conservare idealmente vicino alla televisione o alla postazione del computer e sarà facilitato dalla mancanza di fili e cavi, sempre polverosi e intrecciati fra loro, grazie all’alta connettività della funzione NFC.

Ultima proposta Canon, dal design vintage e retro per i più nostalgici, è la Canon PowerShot G5 X.  La maneggevolezza classica dal gusto un po’ antiquato incontra il valore e l’innovazione delle caratteristiche tipiche di una reflex: è da questo incanto estetico che nascono scatti di alta qualità nitidi e luminosi grazie sensore CMOS da 1″, all’obiettivo luminoso f/1,8-2,8, al mirino elettronico centrale da 2.360.000 punti tipico delle reflex più avanzate e all’apposito sensore che garantisce una resa ottimale senza soggetti e dettagli mossi sia per le immagini che per i video per la stabilità dei quali è presente anche la funzione Dynamic IS su 5 assi. I 20,2 megapixel e il processore DIGIC 6 sono ben supportati da una risoluzione magnifica anche quando si tratta di soggetti meno vicini grazie allo zoom ottico di 4,2x.

Sottolineato più volte lo stile vintage in cui si presenta, la Canon PowerShot G5 X è, invece, realmente figlia del nostro tempo. Dotata di accesso al Wifi e alla risoluzione video in Full HD, presenta la possibilità di ricarica tramite semplice cavo USB e uno schermo Touch Screen: non a caso ha raggiunto il primo posto secondo TIPA, Technical Image Press Associaction, vincendo il premio di Best Expert Compact Camera Canon PowerShot G5 X.

In linea estetica con i modelli visti in precedenza, invece, è la Sony DSC-RX10M3 RX10 III con obiettivo con zoom con ampia apertura F2,4-4 24-600 mm. Un modello che sfiora la qualità di quelli più professionali, come dimostrato dallo zoom 24-600 mm1 F2,4-4 25x di cui il sito di Sony lascia un’anteprima con sette fotografie scattate in avvicinamento. La nitidezza è assicurata dai ben otto elementi ED e la risoluzione dei video, in 4K Ultra HD e con la funzione super slow motion fino a 40x,  è favorita dal processore di immagini BIONZ X  per favorire la presenza di dettagli e la riduzione di brusii e fastidi nell’audio.

Migliori offerte Amazon 2022 sulle fotocamere Bridge

Per le macchine fotografiche Bridge anche il prezzo sarà a cavallo fra quello di una compatta e quello di una reflex?  Genericamente il prezzo di questa tipologia di fotocamere varia dai più accessibili 200 euro fino ad oltre i 500 euro: per quanto non siano oggetti professionali come una reflex, il peso del valore tecnologico e di design si fa comunque sentire in molti casi.

 Un gioiello come l’ultimo fra quelli analizzati firmato da Sony, ad esempio, presenta un costo piuttosto elevato: sul sito viene consigliata la vendita a 1.600 euro iva inclusa, che vale la pena spendere a fronte di una qualità e una versatilità così alta, ma non è da escludere che si possa trovare con un costo di ben 1900 euro. La risposta nella maggior parte dei casi è, come al solito, Amazon.

Qui il suddetto modello cala di prezzo fino a raggiungere i 1270 euro, senza contare gli esemplari venduti usati che vantano un ulteriore minimo sconto sul prezzo già proposto.

Gli altri esempi analizzati in precedenza, invece, variano di prezzo, ma si possono racchiudere in una fascia medio bassa: la Nikon Coolpix B500 si aggira sui 240 euro mentre la Nikon Coolpix P100, al momento disponibile solo usata, non raggiunge neppure i 200 euro; la Canon PowerShot SX420 IS e la Canon PowerShot SX540 HS hanno in comune anche la fascia di prezzo poiché quello della prima si aggira dai 220 euro ai 270 nella versione di colore rosso, la seconda è fissa sui 262. Più costosa, invece, è la Canon PowerShot G5 che sfiora i 700 euro e, in alcuni casi, li supera di circa una cinquantina di euro. Come nei casi precedenti le spese di spedizione previste sono del tutto gratuite ad esclusione della Nikon Colpix P100 i cui costi sono gli standard di poco meno di 10 euro.

Ulteriori proposte Bridge di altre marche specializzate nel settore fotografico che potete trovare in commercio, in special modo nell’ e-commerce più famoso che esista sono rappresentate dalla gamma Lumix prodotti da Panasonic, i cui prezzi variano, a seconda del modello stesso, dai quasi 300 agli oltre 500 euro o dagli esempi ancora più economici di Kodak, alcuni dei quali partono da una fascia di circa 150 euro e raggiungono, soltanto in rarissimi casi, i 400 euro circa, senza mai spingersi oltre i 500.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.