Migliori Università di Medicina in Italia 2019: classifica degli atenei a confronto

Tante sono le università, sia pubbliche che private, che riservano almeno un corso di laurea a Medicina e Chirurgia e sono dislocate in tutta Italia, dal nord al sud. Vediamo quali sono i migliori atenei di medicina in Italia.

Migliori Università di Medicina in Italia 2019: classifica degli atenei con medicina in Italia

Come già detto, esistono diversi atenei che prevedono un corso di laurea in medicina, in tutta Italia e, in alcune città, sono presenti anche più atenei con medicina. Per valutare il livello che hanno gli atenei, ci sono diversi studi ogni anno che determinano il valore degli atenei, a seconda di alcuni criteri. Lo studio più importante che viene fatto è sicuramente quello fatto dal Censis, che ogni anno stila la classifica dei migliori atenei di medicina in Italia, a seconda dei rapporti internazionali che l’ateneo riesce a stringere e a seconda della progressione di carriera degli studenti.

Vediamo quali sono le migliori università di medicina in Italia in classifica.

Università Vita – Salute San Raffaele Milano

Quest’ateneo si trova a Milano ed è stato fondato nel 1996 da Don Luigi Maria Verzé. Inizialmente c’era solo la facoltà di psicologia ma, nel 1998, è arrivata anche la facoltà di Medicina e Chirurgia, diventando una delle più prestigiose di tutta Italia. L’università si articola in tre facoltà ed ogni facoltà ospita diversi corsi di laurea e post lauream, centri di ricerca, scuole per il dottorato e master.

L’Università Vita – Salute è uno degli atenei più riconosciuti, sia a livello nazionale che a livello mondiale. Il punto forte di questa facoltà è l’integrazione tra ricerca, pratica e didattica, così da rendere completa la preparazione degli studenti. Inoltre, la facoltà è legata all’ospedale San Raffaello, che offre agli studenti la possibilità di fare esperienza sul campo e tirocini curricolari.

Si tratta di una facoltà a numero chiuso, con rigide prove per l’ammissione, che permettono di trovare un ambiente con docenti ed altri studenti preparati e determinati ad azzerare il numero degli studenti fuori corso; la frequenza alle lezioni, sia teoriche che pratiche, è obbligatoria.

La Facoltà di Medicina e Chirurgia mette a disposizione degli studenti otto corsi di laurea, sia triennale che magistrale. Per il periodo dopo la laurea, sono organizzati dei dottorati di ricerca e dei master, per un totale di 27 scuole di specializzazione.

La facoltà prevede quattro corsi per la laurea triennale (corso di laurea in ricerca biotecnologica in medicina, corso di laurea in fisioterapia, corso di laurea in infermieristica, corso di laurea in igiene dentale); tre corsi di laurea a ciclo unico (corso di laurea in medicina e chirurgia, corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria, corso international MD Program); due corsi di laurea magistrale (corso di laurea magistrale in Biotechnology and MedicalBiology ed il corso di laurea magistrale in Scienze Riabilitative delle Professioni Sanitarie).

All’Università Vita – Salute San Raffaele è particolarmente sviluppatoil settore della biotecnologia applicata alla salute umana, che comprende la ricerca molecolare, farmacologica e genetica, la manipolazione di cellule ed organismi animali, la produzione di animali transgenici, la produzione ed il controllo di farmaci biotecnologici, ricerca su ormoni e vaccini e la produzione ed il controllo dei prodotti naturali bioattivi.

Unipv – Università di Medicina e Chirurgia di Pavia

L’Università Unipv di Pavia è una delle università più antiche di tutta Italia. La sua fondazione risale al 1361 e conta tra i suoi studenti diversi personaggi illustri, come Spallanzani, padre della fecondazione artificiale e Golgi, Nobel per la medicina, per la scoperta dell’apparato di Golgi delle cellule. Fiore all’occhiello di questa università sono diversi campi medici specifici, come la citogenetica, la neurologia clinica, la fisiologia e la biologia molecolare.

Nell’area medica conta ben sei dipartimenti: il dipartimento di medicina interna e terapia medica, il dipartimento di medicina molecolare, il dipartimento di sanità pubblica, medicina sperimentale e forense, il dipartimento di scienze clinico-chirurgiche, diagnostiche e pediatriche ed il dipartimento di scienze del sistema nervoso e del comportamento.

La facoltà di Medicina e Chirurgia conta tre corsi di laurea magistrale a ciclo unico, dalla durata di 6 mesi: il corso di medicina e chirurgia, il corso di medicine and surgery (proposto in lingua inglese) ed il corso di odontoiatria e protesi dentaria. Per quanto riguarda la triennale, l’università offre ben 16 diversi corsi di laurea: corso di infermieristica, corso di ostetricia, corso di fisioterapia, corso in tecnica occupazionale, corso in tecnica della riabilitazione psichiatrica, corso in terapia della neuro e psicomotricità dell’età evoluta, corso di logopedia, corso di dietistica, corso di tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia, corso di igiene dentale, corso in tecniche di neurofisiopatologia, corso in tecniche di laboratorio biomedico, corso in tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, corso in tecniche ortopediche, corso di tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro e corso in scienze motorie. Per la magistrale, invece, ci sono quattro corsi, dalla durata di due anni: scienze infermieristiche ed ostetriche, scienze e tecniche dello sport, scienze e tecniche delle attività motorie preventivate e adattate e biotecnologie mediche e farmaceutiche.

Per il post laurea, sono previsti gli esami di stato per entrare nell’albo, diversi master e corsi di perfezionamento, dottorati, assegni di ricerca e premi.

L’Università di Pavia è uno degli istituti più illustri d’Italia, riconosciuto anche in tutta Europa. Insieme all’Università di Bologna, quella di Siena e quella di Padova, fa parte del Gruppo di Coimbra, che racchiude tutti gli atenei più prestigiosi di Europa. Proprio per questo intrattiene rapporti internazionali con altri atenei, agevolando anche lo scambio culturale fra gli studenti.

Università degli Studi di Milano Bicocca

Uno degli atenei italiani che si contraddistingue maggiormente nel campo della medicina è sicuramente l’Università degli Studi di Milano Bicocca; l’ateneo è stato istituito ufficialmente nel 1998. L’università dislocata in 21 edifici, tutti nel quartiere Bicocca, tranne la facoltà di Medicina e Chirurgia, che è situata a Monza, presso l’Ospedale San Gerardo, col quale l’ateneo è convenzionato; l’Ospedale San Gerardo è un’eccellenza sia per quanto riguarda l’assistenza ai pazienti e sia per quanto riguarda la ricerca, soprattutto nell’ambito specialistico della ginecologia ed in quello dell’oculistica. Sempre in collaborazione con l’ospedale, l’ateneo ha realizzato il centro di Bioimmagini, una struttura per lo studio dei nuovi metodi diagnostici nel campo oncologico, neurologico e cardiovascolare, capace di effettuare 3500 esami diagnostici.

L’ateneo della Bicocca prevede tre corsi a ciclo unico: il corso di Medicina e Chirurgia, il corso di Medicine and Surgery (in lingua inglese) ed il corso di Odontoiatria e Protesi dentaria. Per quanto riguarda la laurea triennale, sono previsti sette corsi di laurea: il corso per fisioterapia (abilitante per la professione sanitaria di fisioterapista), il corso di igiene dentale (abilitante alla professione sanitaria di igienista dentale), il corso di Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di infermiere), il corso di Ostetricia (abilitante alla professione sanitaria dell’ostetrico), il corso di tecniche di laboratorio biomedico (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di laboratorio biomedico), il corso di tecniche di radiologia, per immagini e radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica, per immagini e radioterapia) e il corso di terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva). Per quanto riguarda la laurea magistrale (dalla durata di due anni), ci sono due corsi di laurea: il corso di biotecnologie mediche ed il corso di scienze infermieristiche e ostetriche.

L’Università della Bicocca prevede anche numerosi master per acquisire una formazione utile all’inserimento nel mondo del lavoro.

Il punto forte di questo ateneo è proprio la giovane età, con la presenza di numerose aule e laboratori di ultima generazione, pratici e funzionali.

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

L’Università di Bologna vanta il titolo di prima università del mondo occidentale. Nel corso della sua storia, ha ospitato diversi personaggi illustri, sia nel campo della scienza che delle lettere ed è uno dei principali riferimenti culturali in Europa.

L’università di Bologna prevede tre corsi a ciclo unico: il corso di Medicina e Chirurgia, il corso di Medicine and Surgery (in lingua inglese) ed il corso di Odontoiatria e Protesi dentaria. Per quanto riguarda la laurea triennale, sono previsti tredici corsi di laurea: il corso per fisioterapia (abilitante per la professione sanitaria di fisioterapista), il corso di igiene dentale (abilitante alla professione sanitaria di igienista dentale), il corso di Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di infermiere), il corso di Ostetricia (abilitante alla professione sanitaria dell’ostetrico), il corso di tecniche di laboratorio biomedico (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di laboratorio biomedico), il corso di tecniche di radiologia, per immagini e radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica, per immagini e radioterapia), il corso di dietistica (abilitante alla professione sanitaria di dietista), il corso di educazione professionale (abilitante alla professione sanitaria di educatore professionale), il corso di logopedia (abilitante alla professione sanitaria di logopedista), il corso di podologia (abilitante alla professione sanitaria di podologo), il corso di tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro (abilitante alla professione sanitaria di tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro), il corso in tecniche di neurofisiopatologia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di neurofisiopatologia) ed il corso di tecniche ortopediche (abilitante alla professione sanitaria di tecnico ortopedico).

Per quanto riguarda la laurea magistrale (dalla durata di due anni), ci sono tre corsi di laurea: il corso di Medical Biotechnology, il corso di scienze delle professioni sanitarie della prevenzione ed il corso in scienze infermieristiche e ostetriche.

Per il post laurea sono previsti esami di stato per l’abilitazione alla professione di medico chirurgo, scuole di specializzazione nell’area medica, dottorati e attività di ricerca, master universitari, corsi di alta formazione e formazione permanente, corsi di preparazione al mondo del lavoro e tirocini formativi e di orientamento.

Università degli Studi di Padova

L’Università degli Studi di Padova è la seconda università più antica di Italia, dopo quella di Bologna. È stata fondata nel 1222, ma solo nel 1250 è stata introdotta la facoltà di medicina. Ha una storia importante soprattutto per gli illustri docenti che ha avuto, uno fra tutti Galileo Galilei, ma anche Giovanni Battista Morgagni.

Si tratta di un ateneo molto illustre per quanto riguarda la Medicina, soprattutto per la grande selezione che c’è all’inizio, per la sua organizzazione e per la sua apertura internazionale alle altre facoltà. Per un periodo della sua storia, l’Università di Padova è stata il centro della scienza europea e, proprio per questo, vanta l’insegnamento di molto docenti di fama internazionale, che portano avanti la ricerca in campo medico.

Uno dei punti forti, come già detto, è la vasta scelta di corsi di laurea. Per quanto riguarda la laurea magistrale a ciclo unico, questo ateneo prevede quattro corsi di laurea: corso di chimica e tecnologia farmaceutiche, corso di farmacia, corso di medicina e chirurgia e corso di odontoiatra e protesi dentaria. Per la triennale (laurea di primo livello), invece, sono previsti ben 18 corsi di laurea: assistenza sanitaria (abilitante alla professione sanitaria di assistente sanitario), dietistica (abilitante alla professione sanitaria di dietista), educazione professionale (abilitante alla professione sanitaria di educatore professionale), fisioterapia (abilitante alla professione di fisioterapista), igiene dentale (abilitane alla professione di igienista dentale), infermieristica (abilitane alla professione sanitaria di infermiere), logopedia (abilitante alla professione sanitaria di logopedista), ortottica ed assistenza oftalmologica (abilitante alla professione sanitaria di ortottista ed assistente di oftalmologia), ostetricia (abilitante alla professione sanitaria di ostetrico), scienze farmaceutiche applicate, scienze motorie, tecniche audioprotesiche (abilitane alla professione sanitaria di audioprotesista), tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro (abilitante alla professione sanitaria di tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro), tecniche di laboratorio biomedico (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di laboratorio biomedico), tecniche di neurofisiopatologia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di neurofisiopatologia), tecnico di radiologia medica, per immagini e radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica), terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva) e terapia occupazionale (abilitante alla professione sanitaria di terapista occupazionale).

Per quanto riguarda, invece, le lauree magistrali, l’ateneo mette a disposizione 7 corsi di laurea: corso in Medical Biotechnlogies, corso di Pharmaceutical Biotechnologies, scienze delle professioni sanitarie della prevenzione, scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche, scienze e tecniche dell’attività motoria preventiva e adattata, scienze infermieristiche e ostetriche e scienze riabilitative delle professioni sanitarie.

Per il post laurea, l’ateneo offre anche una serie di master, scuole di specializzazione e corsi di aggiornamento e formazione.

Oltre a queste facoltà, che occupano le prime cinque posizioni nella classifica dei migliori atenei italiani per quanto riguarda la facoltà di Medicina, ce ne sono altre nella classifica stilata da Censis di quest’anno. Il Censis si occupa di elaborare e studiare la qualità della formazione delle università italiane, sia statali che private, per diversi fattori: la progressione di carriera, i rapporti internazionali, i servizi offerti, le borse di studio ed i contributi messi a disposizione, la qualità delle strutture, il sito web della facoltà e l’occupabilità.

Le altre facoltà, in ordine di progressione di carriera e rapporti internazionali sono: il Campus Bio Medico di Roma, l’Università degli Studi di Sassari, l’Università degli Studi del Piemonte Orientale, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, l’Università degli Studi di Udine, l’Università degli Studi di Cagliari, l’Università degli Studi di Foggia, l’Università degli Studi “La Statale” di Milano, l’Università degli Studi di Firenze, l’Università degli Studi di Moderna e Reggio Emilia, l’Università degli Studi di Perugia, l’Università degli Studi di Torino, l’Università degli Studi di Genova, l’Università degli Studi di Trieste, l’Università degli Studi delle Marche, l’Università degli Studi di Verona, l’Università degli Studi di Bari, l’Università degli Studi di Pisa, l’Università degli Studi dell’Insubria, l’Università degli Studi di Ferrara, l’Università degli Studi di Messina, l’Università La Sapienza di Roma, l’Università degli Studi di Parma, l’Università degli Studi di Siena, l’Università di Roma Tor Vergata, l’Università di Chieti e Pescara, l’Università degli Studi di Catania e l’Università Magna Graecia di Catanzaro.

Martina Sarra Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *